I puppets di Mr. Finch

La tassidermia è un’arte antica e ancora notevolmente praticata e amata da appassionati ed artisti contemporanei. Non solo Damien Hirst, ma anche decine di artisti più o meno noti utilizzano massicciamente questa tecnica nelle proprie opere.

Tecnica intrigante ma controversa, presenta diversi punti a suo sfavore: la puzza della povera bestiola, il reperimento della suddetta e la lunga lavorazione su un piccolo cadavere. Nonché, eventualmente, problemi di natura puramente etica.

Mr. Finch (dal soprannome che gli hanno affibbiato e che apprezza) si distacca dal mondo della tassidermia ma allo stesso tempo si avvicina più dello stesso tassidermista che opera su cadaveri. Mr. Finch realizza tassidermie di tessuti antichi, rovinati o inutilizzati. Li trasforma in animaletti, insetti, bestiole fiabesche, oggetti e perfino ortaggi con una impressionante cura per i dettagli che rende le opere più vere del vero.

Autodidatta quasi completo, dichiara di ispirarsi alla natura e alle fiabe, riproponendo spesso gli stessi soggetti diversi per foggia e tipologia di tessuto impiegato. Ci tiene a specificare di essere un uomo così da dissipare subito qualsiasi dubbio: anche gli uomini sono perfettamente in grado di cucire (e vorrei vedere fosse il contrario)!

Mr. Finch |website

Mr. Finch | Facebook

2 commenti

  1. Sweety, non so se considerarlo inquietante o piacevole… in ogni caso, geniale!

    1. Un insieme delle due cose, temo… Definiamolo affascinante e siamo a posto!😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: