Thom Yorke per XL magazine

img029

Fino a qualche tempo fa, non nutrivo grande interesse per i Radiohead, di cui conoscevo il singolo Creep e poco più. Mi erano sempre passati accanto nel corso del tempo, ma li avevo sempre snobbati. Non credo che chi non ha vissuto direttamente la loro storia discografica possa effettivamente comprenderne appieno la musica, probabilmente nel mio caso questa mancanza si è rivelata decisiva per non avvicinarmi mai troppo a questo gruppo.
Qualche tempo fa è uscito il loro ultimo disco, The king of limbs, poco considerato dalla critica e pressoché ignorato dagli stessi fan. A me è piaciuto, con alti e bassi. Belle Lotus flower (con relativo video) e Codex su tutte.
Grazie a questo cd la mia attenzione nei confronti dei Radiohead si è alzata, indirizzandosi sopratutto verso il cantante Thom Yorke, uno che s’è fatto i cazzi suoi ed è sempre stato interessato solo a fare musica trasmettendo però ben più che semplici note accompagnate da un testo random. Mi affascina in una sinistra maniera nonostante non sia bello esteticamente e compensi questa mancanza con la voce.
Quando ho trovato un articolo dedicato a lui su XL (uno dei magazine di Repubblica) di marzo, l’ho letto con interesse e ho apprezzato le fotografie di corredo, scattate da Guido Fuà. Eccole.

img034 img033 img032 img031 img030

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: