The dead weather

Qualsiasi cosa tocchi Jack White, diventa oro, ormai lo si sa. Dopo lo scioglimento dei The White Stripes, White si è dedicato a diversi altri progetti musicali, fra cui quello dei The dead weather con la cantante dei The kills Alison Mosshart (in duo con Jamie Hince, quello che s’è sposato Kate Moss due anni fa).

tumblr_lg7jxgpFri1qzsaatAl di là della sua voce particolare che la fa somigliare molto a un uomo con qualche deviazione alle corde vocali e che la rende meravigliosamente affine a Jack White, metterla a cantare in un gruppo dove White suona la batteria è stato il colpo di genio tipico delle collaborazioni fra gente che fa ancora musica con i controcazzi. E ve lo dice una che predilige il metal sopra qualsiasi altro genere musicale e che si ritrova a navigare in acque sconosciute: quelle del cazzo di indie rock. Ora, ho sempre detestato le categorizzazioni e ho sempre detestato la deframmentazione per cui se qualcuno ascolta metal non può ascoltare l’indie e sopratutto non può ascoltare nessun altro genere, quindi per ampliare le mie conoscenze musicali capita che mi butti a capofitto su qualche nuovo filone/personaggio/beat/gruppo etc.
I The dead weather hanno pubblicato solo due cd finora e si tratta di due perle, ovvero Horehound e Sea of cowards. Il primo album contiene la travolgente Treat me like your mother, pezzo non molto lusinghiero su un uomo che è sostanzialmente un cagacazzo pazzesco, mentre il secondo album contiene pezzi come Blue blood blues che ha un ritmo pazzesco ed è cantata principalmente da Jack White, fatto che smentisce il buon Last. fm il quale sostiene che qui Jackie faccia solo lo sporco lavoro di batterista. Tsk.
Non posso che consigliarvi spassionatamente l’ascolto di questo gruppo, di tutti i loro live e di qualsiasi registrazione sia reperibile su qualche loro esibizione perché, passatemi il termine, spaccano. Tanto perché ci tengo a perorare la mia causa, beccatevi questo bel live di Blue blood blues + testo.

Yeah, I love you so much.
I don’t need to resist.
I don’t need to exist.
Dripping blue blood from the wrist.
I don’t need to resist.
And all the neighbors get pissed when I come home.
I make ‘em nervous. Yeah, I make ‘em nervous.

Crack a window, crack a broken bone.
Crack your knuckles when you’re at home.
Lick an ice cream cone. Crack a bone.

All you had to do was ask.
Who is it that wears the mask?
When you give me the task.
Leave me broke and shirtless.
Check your lips at the door woman.
Shake your hips like battleships.

Yeah, all the white girls trip when I sing at Sunday service.
Sing. Sing. Sing.

I only got one face da da da da.
I tried too long to erase.
You know if I left. da da da da.
I wouldn’t leave a trace.

If I left you woman, you know, I wouldn’t leave a trace.
I wouldn’t leave a trace. I wouldn’t leave a trace.

If I left, you’d never see me again.
You’d never see me again.
I wouldn’t leave a trace.

You’d never see me again.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: