Skyfall

locandinaQuesto film l’ho visto in netto ritardo rispetto al resto degli italiani che lo hanno sparato in cima alle classifiche di guadagni al botteghino. Ho evitato di ascoltare/leggere/guardare qualsiasi cosa al riguardo per quanto ho potuto, fallendo in alcune parti; mi sono altresì subita le osservazioni di snob e intellettualoidi riguardo al film e ho letto boriose recensioni di persone che rimpiangono per l’ennesima volta il “vecchio Bond”.
Premetto che su di me le critiche alla trilogia di James Bond con Daniel Craig non hanno avuto presa sin dal primo episodio, vuoi perché ho visto ben pochi vecchi film di James Bond vuoi perché li ho trovati film ben fatti ed interessanti nel loro genere.
Detto ciò, mi piace Daniel Craig, è un bel figliolo e ha creato un suo personale Bond senza assurgere dai vecchi “modelli” (cosa che, a mio avviso, fece a suo tempo Pierce Brosnan): non lo trovo insignificante o inespressivo come molti dichiarano, ma trovo che incarni l’idea di personaggio glaciale e inafferrabile che ben si adatta a James Bond.
I detrattori hanno saputo solamente criticare quel poco che nel film a loro avviso funziona male e non hanno minimamente considerato i molti lati positivi della pellicola. Le polemiche relative a parallelismi rispetto alla trilogia di Batman firmata Christopher Nolan richiederebbero un altro post (vi dico solo che sono parzialmente d’accordo con le osservazioni al riguardo), mentre questo primo punto si snocciola in pochi passi.
Nel cast troviamo parte della vecchia guardia: Daniel Craig, Judi Dench, Rory Kinnear. Troviamo tra i nuovi volti nomi eccellenti del cinema come Ralph Fiennes e Javier Bardem che interpreta il cattivo Silva, mentre le due bellissime co-protagoniste che affiancano Bond sonno Berenice Marlohe e Naomie Harris (Miami Vice).
Javie Bardem come cattivo è superbo, contorto, imbruttito da un orribile colore di capelli e un atteggiamento nauseante e mellifluo, alla faccia di chi lo vorrebbe solo sex-symbol impegnato in menage a trois con graziose pulzelle.
Berenice Marlohe è splendida, affascinante e credo davvero di poter affermare si tratti della più bella donna a far parte del cast di questa trilogia, senza togliere nulla alla bellezza della Kurylenko o a quella di Eva Green. Si presenta con lunghissime unghie a stiletto laccate di rosso fuoco e con un abito che lascia pochi dubbi sul suo fisico mozzafiato.
La trama del film è un plot classico per James Bond: il cattivo scoperchia le sicurezze dei servizi segreti inglesi (MI6) e l’identità degli agenti è compromessa perciò Bond dovrà cercare il responsabile e annientarlo. Ma Bond non è più in forma, perde colpi e attraversa una crisi personale che lo porta ad allontanarsi dalla MI6 per qualche tempo.
La prima parte del film si concentra sopratutto sulla crisi di Bond e sul suo recupero fisico e psicologico, mentre la seconda parte approfondisce alcuni dettagli riguardo il passato dell’agente portandoci nella tenuta scozzese dove è cresciuto e ha perso i genitori.
Trama tipica e svolgimento tipico, moltissima azione e carnazza al vento, donne sexy e quant’altro non oscurano però altri dettagli ottimi di questo film come la presenza di un buffo Ben Wishaw (Profumo) nei panni di Q, il mago dei gadget e, nel terzo millennio, anche dei pc e dell’hackeraggio. Il suo personaggio evidenzia la dicotomia fra vecchio e nuovo in Bond in un film che analizza il successo di Bond e gli rende omaggio con sottili battute e richiami al passato. Uno di questi è quello più atteso di tutto il film, ovvero la presenza di una splendida Aston Martin DB5 originale e di valore inestimabile, preservata dal danneggiamento tramite l’impiego di modelli realizzati con la tecnica della stampa 3D in scala 1:3.
Scenograficamente parlando, si potrebbe dire che per buona parte del film l’attenzione alla resa estetica e alla perfezione di ogni elemento divenga quasi autopromozionale e la concentrazione di fotogrammi sull’orologio Omega di Bond rincara la dose anche nell’oggettistica. Ma, si sa, oggi il cinema regge anche grazie agli spot palesati dentro alla pellicola (in questo caso il film , come per il terzo di Nolan, è girato in IMAX) e questo non deve stupire o scandalizzare, a mio avviso: ci si deve abituare sopratutto perché la pubblicità ha sempre fatto parte del cinema ed è inscindibile da esso.
Il film è diretto da Sam Mendes (American Beauty) e questo potrebbe bastare a non dare adito ad altre critiche oltre a quelle già sputate dagli pseudo esperti di cinema: è ben confezionato, avvincente e se si comprende che non ci si trova più di fronte al Bond di Sean Connery e non ci si crogiola nella nostalgia lo si gode e ci si appassiona alla vicenda. Se si va al cinema convinti di trovare film con un Bond identico a quello di Connery tanto vale stare a casa. Lo disse anche Daniel Craig alle prime interviste rilasciate per il lancio di Casinò Royale, avvertendo la critica ed il pubblico di non aspettarsi il solito film di James Bond e, sopratutto, che lui non sarebbe stato un tipico Bond ma avrebbe portato più azione e dinamismo all’interno del film. E così e stato. Credo che la risposta positiva al botteghino lasci il tempo che trovi (anche una merdata come “I soliti idioti 2” è stata in vetta agli incassi per settimane, che schifo) e trovo sia un film da vedere perché ricco e spettacolare; se si aggiunge pure la presenza di attori magnifici come Ralph Fiennes, direi che si tratta di una decina di euro ben spesi.
Punto. Se poi vi fa schifo, secondo me siete solo degli snobS.

n.b. la colonna sonora di Adele è una lagna senza fine, unico lato negativo di tutta la pellicola e accompagna dei titoli di testa non sempre all’altezza dei precedenti. Ma tranquilli, durano poco.

007-skyfall-la-recensione-integrale-L-tUvGQ8 cover1300Blog Art - Skyfall Skyfall (Large)

Annunci

One comment

  1. A me non dispiace la lagna di Adele. Il film mi e’ piaciuto molto, specialmente il fatto che ha fatto luce sulla storia personale di Bond, che non penso sia mai stato fatto in alcuni altri della serie. Craig e’ sicuramente un “bel figliolo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: